FAQ

QUALI SONO LE VIOLENZE? CHI PUO' FARLE?

-Questa applicazione dà l'opportunità al bambino di conoscere, poter catalogare le violenze (fisiche, psicologiche o sessuali), chi le può esercitare e come comportarsi in caso esse avvengano.

COME AVVIENE L'AIUTO?

Il bambino può avere sempre un aiuto, sia attivo (con un sostegno reale da parte dell'interlocutore) che passivo (cioè che venga aiutato a risolvere il problema in prima persona e che capisca come comportarsi) in caso di difficoltà o di pericolo.

COME SARANNO TRATTATI I RACCONTI DEI BAMBINI?

Il bambino ha la possibilità di raccontare ed avere una persona di supporto, con riservatezza assoluta, senza che nessun altro sappia della loro conversazione, se non chi davvero possa aiutarlo e non metterlo in pericolo ulteriore.

COSA POTRA' FARE E QUALI RISULTATI OTTERRA' IL BAMBINO?

Il bambino diventerà consapevole che non è colpa sua per quello che è successo. Il bambino avrà la possibilità di fidarsi di qualcuno e sarà assistito da una persona per il suo singolo caso con l'accuratezza dovuta e più adatta. Il bambino avrà la possibilità di raccontare ogni cosa che vuole (come se stesse parlando al suo migliore amico) senza avere alcuna paura che esse possano ritorcersi contro, sentendosi pronto e libero di poter raccontare e non, a seconda del suo stato d'animo, senza alcuna pressione. Il bambino avrà la possibilità di essere ascoltato ed ascoltare, avere un aiuto ad affrontare e superare il problema e a ritrovare la serenità andata perduta.

CI SONO LIMITI TEMPORALI NELL'ASSISTENZA?

Il bambino non sarà mai lasciato solo nel percorso che deciderà di intraprendere e potrà dare fiducia piena al suo interlocutore, che lo seguirà in ogni tappa del suo percorso, dall'inizio alla fine, se possibile.